Cronaca

In 700 per festeggiare l’inizio della scuola: locale nei guai dopo il party fuorilegge

Benevento, festa abusiva con 700 ragazzi: scatta la sospensione per un locale. Il provvedimento è stato adottato dal Questore

Scatta la sospensione per un locale di Benevento dopo una festa abusiva con 700 ragazzi. La divisione di Polizia Amministrativa della Questura di Benevento ha notificato un provvedimento di sospensione dell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande, per la durata di giorni 20, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., al titolare di un locale pubblico sito alle porte del capoluogo sannita.

Benevento, festa abusiva con 700 ragazzi: scatta la sospensione per un locale

Il provvedimento è stato adottato dal Questore della provincia di Benevento a seguito di un’articolata attività di controllo della Polizia di Stato effettuata nella serata del giorno 8 settembre presso il locale pubblico in questione; presso l’esercizio, infatti, era in corso un evento musicale organizzato in assenza di qualsivoglia autorizzazione, apparentemente per festeggiare l’imminente ripresa delle attività scolastica.

All’atto dell’intervento della Polizia, l’evento, anche per la partecipazione di numerosissimi giovani, circa 700, era in corso nel giardino di una villa privata ubicata di fronte al locale pubblico in questione; all’immobile si accedeva previo acquisto di apposito biglietto e all’interno era possibile assumere bevande, anche alcoliche, senza alcuna forma di controllo, dopo aver acquistato appositi tickets presso una cassa installata per lo scopo. Ovviamente, la location del dj set era priva di vie di fuga e di uscite d’emergenza, concretizzando un ulteriore rischio per la sicurezza dei giovani partecipanti. Nella circostanza i poliziotti accertavano anche l’avvenuta somministrazione di alcool a minori degli anni 18.

Le indagini

Il quadro d’insieme emerso a seguito del controllo di polizia, al di là delle mere violazioni amministrative, è di estrema gravità ed evidenzia totale indifferenza per la sicurezza, non solo dei giovani partecipanti, ma di tutti coloro che, a vario titolo, si trovavano nella struttura, concretizzando anche un concreto pericolo per la salute e l’ordine pubblico.

L’intervento della Polizia di Stato è stato possibile anche grazie alla collaborazioni di alcuni cittadini, genitori che, preoccupati per la salute e la sicurezza dei propri figli, si sono fidati delle istituzioni ed hanno segnalato i rischi connessi all’incontrollata organizzazione di eventi pubblici e all’abuso di alcool da parte di giovani e giovanissimi; tale problematica, nonostante i continui controlli e i reiterati provvedimenti sanzionatori, persiste e beneficia dell’inopportuna disponibilità di esercenti pubblici disposti a tutto in nome di un indebito guadagno.

Articoli correlati

Back to top button