Cronaca

Benevento, prezzi alle stelle anche per la frutta: le vendite diminuiscono

Gli ortaggi e la frutta anche nel Sannio sono diventati "oro verde"

Prezzi alti anche per la frutta e gli ortaggi nella provincia di Benevento da circa tre mesi: secondo quanto riportato dal Mattino, di conseguenza le vendite diminuiscono.

Benevento, prezzi alti per la frutta

Ortaggi e la frutta anche nel Sannio sono diventati “oro verde”. Da circa tre mesi si registra una lievitazione inarrestabile dei costi. Un fenomeno che i commercianti addebitano alle spese di produzione. “Anche i prezzi delle verdure prodotte nelle nostre campagne sono aumentati spiega Gaetano D’Aloia, titolare di una rivendita al dettaglio di prodotti a km 0 ma non per delle speculazioni. Il costo del concime è triplicato, il gas per le serre è passato a 1,65 euro al litro mentre pesa anche l’aumento dei costi del carburante e del gasolio agricolo. Rincari che si riflettono sul prezzo di vendita”.

I prezzi della frutta e verdura

Il mercato al dettaglio del capoluogo, comunque, almeno gli ortaggi è, con prezzi che oscillano in base alle zone di vendita e alle strutture stesse, al di là della qualità. Le zucchine si pagano da 2,50 euro fino addirittura a 3,99 euro, i finocchi da 1,50 a 3 euro, le melanzane da 2 a 4 euro, i pomodorini da 1,80 euro fino a 3,50 euro. Per la frutta in particolare le “primizie” sono arrivate alle stelle come le fragole e le ciliegie che oscillano dai 5 ai 7 euro al chilo o l’ananas a 6 euro. La cosiddetta prima scelta come mele, arance tarocco, mandarini oscilla dai 2,50 addirittura ai 4 euro al chilo, ma anche in questo caso specie in questa fase diversi frutteti hanno prezzi più bassi.

Articoli correlati

Back to top button