Curiosità

Benevento sorpresa del campionato: i punti di forza del gruppo di Inzaghi

Al momento, infatti, il Benevento è decimo in classifica a quota diciotto punti, con ben sette punti di vantaggio sulla terzultima

Ogni anno la Serie A riserva molte sorprese. Tra calciatori che esplodono ed allenatori in rampa di lancio, impariamo a conoscere squadre che si fanno notare per la voglia di imporre il proprio gioco e di raggiungere a tutti i costi gli obiettivi prefissati. Quest’anno la vera sorpresa della nostra Serie A è il Benevento di Filippo Inzaghi. La squadra campana – come dimostrano gli esperti di scommesse online – continuando così può raggiungere agevolmente la salvezza e puntare ad un campionato più che dignitoso, finendo addirittura a metà classifica.

Al momento, infatti, il Benevento è decimo in classifica a quota diciotto punti, con ben sette punti di vantaggio sulla terzultima. Guardando il cammino delle ‘streghe’ con cinque vittorie, tre pareggi e sette sconfitte, appare evidente il passo di marcia decisamente differente rispetto alle dirette avversarie per la salvezza. Tra le neopromosse è l’unica squadra a poter vantare ad oggi una classifica serena.

Ma il Benevento di oggi è figlio di un progetto che parte da lontano. Eppure il cammino non era iniziato nel migliore dei modi in questa stagione: 2 vittorie e ben 5 sconfitte nelle prime 7 giornate dove ha pagato dazio pesante contro Inter e Roma (dieci gol subiti in due partite) e perdendo contro Napoli, Verona e persino lo Spezia, in casa. Poi, la svolta.

Dallo scorso 22 novembre le streghe si sono scrollate di dosso la paura della Serie A e nelle successive 7 partite hanno capitolato solo una volta (a Reggio Emilia contro il Sassuolo). Nelle altre gare sono arrivate 3 vittorie (contro Fiorentina, Genoa e Udinese) e altrettanti pareggi (Lazio, Parma e Juventus). Proprio con le grandi la squadra di Inzaghi ha dimostrato di saper cambiare e adattarsi, facendo di necessità virtù, ponendosi di traverso e colmando divari tecnici con attenzione tattica e sacrificio.

Come gioca la squadra di Inzaghi

Il tecnico ha puntato forte su calciatori dotati tecnicamente in quanto punta molto sulla costruzione di gioco che avviene dal basso. La sfera viene fatta girare in un ‘giro palla’ attendista dai quattro difensori, in modo da poter individuare dello spazio sulle fasce.

I due centrocampisti centrali, in questa fase, effettuano dei passaggi all’indietro finalizzati al mantenimento del possesso palla e al cambio gioco. Sbloccato il gioco, grazie all’arrivo della palla ad uno dei due terzini, che avranno a loro volta acquisito una posizione più avanzata rispetto ai due difensori centrali, viene intrapresa una giocata sistematica, che porta l’esterno sulla linea degli attaccanti. Questo spostamento crea spazio. Spazio che sfrutta il centrocampista di turno, che fingendo di andare incontro al terzino in possesso palla, attacca lo spazio che è stato lasciato libero dal terzino.

In fase di possesso il Benevento punta a verticalizzazioni veloci verso le punte. Il Benevento è solito attaccare con molti uomini, che si riversano nella metà campo avversaria. In zona rifinitura, sono sempre attenti i due esterni che si posizionano tra la difesa ed il centrocampo. La posizione dei due esterni è quasi sempre accentrata, in modo da potersi predisporre nell’uno contro uno, e così andare al tiro oppure cercare in area le due punte con passaggi smarcanti.

Se la palla è in possesso dei due centrocampisti centrali, i due esterni cercano il taglio alle spalle del calciatore avversario per effettuare direttamente la conclusione in porta.

I prossimi colpi di mercato

La classifica è piuttosto tranquilla ma per stare alla larga da eventuali cali la società è pronta a ricorrere al mercato di gennaio per rafforzare la rosa. La società sta pensando di prendere a costo zero Gokhan Karadeniz, 30enne fantasista turco che milita attualmente in patria con l’Hatayspor con cui è in scadenza di contratto a giugno. Le ‘Streghe’ continueranno a monitorare le sue prestazioni e nei prossimi mesi potrebbe muoversi in via ufficiale. Inoltre il presidente Vigorito avrebbe formulato una prima offerta all’Inter per l’acquisto di Andrea Pinamonti: prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro, al verificarsi di determinate condizioni.

Nelle prossime ore, sia la società che il ragazzo dovranno dare una risposta “formale” al Benevento, che ha compreso le difficoltà in zona realizzativa e vuole a tutti i costi rinforzare il reparto offensivo. Il classe ’99 ha già “declinato” le avances del Crotone e spera di ricevere altre offerte importanti, prima di scegliere la sua nuova destinazione.

Articoli correlati

Back to top button