PoliticaSpeciale elezioni

Elezioni comunali 2022 a Buonalbergo: il sindaco è Michele Gambarota. I voti ai candidati consiglieri

I voti ai candidati consiglieri

Il nuovo sindaco di Buonalbergo è Michele Gambarota. Si è votato il 12 giugno, per rinnovare il sindaco e il consiglio comunale: ecco i risultati delle elezioni comunali 2022 e dello spoglio elettorale ed i voti ai candidati consiglieri.

Elezioni comunali 2022 a Buonalbergo: eletto sindaco Michele Gambarota


I voti ai candidati consiglieri e alle liste

Candidato sindaco Cosimo Festa – 355 voti

Per Buonalbergo

  • Coluccio Fabiola – 39 voti
  • D’Aloia Emiliano – 19
  • De Gregorio Fernando – 21
  • Farina Luigi – 30
  • Ianovale Antonio – 11
  • Marucci Luigi – 32
  • Mercurio Rossella – 43
  • Miele Ludovico – 73
  • Pirone Enrico – 32
  • Vitagliano Pasquale – 20

Candidato sindaco Michele Gambarota – 425 voti

Uniti per Buonalbergo

  • Caggiano Chiara – 75 voti
  • De Gregorio Federico – 18
  • Farina Michele – 17
  • Marino Valeriano – 24
  • Mennitto Alessio – 46
  • Miele Amedeo – 56
  • Pacifico Rosanna – 61
  • Salierno Luca – 30
  • Tranfaglia Antonella – 45
  • Tufo Roberto – 27

Candidato sindaco Eugenio Fiorino – 348 voti

Scelgo il futuro

  • Bocchicchio Valentina – 63 voti
  • De Conno Antonella – 18
  • Festa Salvatore – 14
  • Fiorino Luigina – 22
  • Iacovino Salvatore – 50
  • Iorio Angelo – 47
  • Mercurio Luigi  44
  • Salvatore Antonio – 31

TUTTI I SINDACI ELETTI IN PROVINCIA DI BENEVENTO 


In provincia di Benevento le Comunali si sono tenute ad Apollosa, Arpaia Buonalbergo, Campolattaro, Limatola, Molinara, San Bartolomeo in Galdo, San Marco dei Cavoti, San Martino Sannita, Santa Croce del Sannio e Sassinoro. Non si vota in alcun capoluogo di provincia. Si è votato solo in comuni con meno di 15mila abitanti, dunque non ci saranno ballottaggi nel Sannio.

Come funziona il quorum

Nei piccoli Comuni, ovvero quelli sotto i 15mila abitanti, che avranno una sola lista in corsa per le elezioni, il quorum scenderà al 40%. A stabilirlo è il nuovo decreto del Governo pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sono molti i Comuni al voto in cui per le elezioni si profila la presenza di una sola lista, come Sovere e Leffe per esempio, una tendenza sempre più frequente nei piccoli paesi. Proprio per questo è arrivato il nuovo decreto del Governo che sposta dal 50% al 40% il quorum necessario per rendere valida l’elezione del sindaco e del consiglio comunale. Abbassare il quorum significa quindi abbassare il rischio di commissariamento.




 

Francesco Piccolo

Giornalista professionista, direttore del network L'Occhio che comprende le redazioni di Salerno, Napoli, Benevento, Caserta ed Avellino. Direttore anche di TuttoCalcioNews e di Occhio alla Sicurezza.

Articoli correlati

Back to top button