Cronaca

Benevento, cantante picchiata dal compagno: “Giuliana ha avuto coraggio donne denunciate le violenze”

Mastella: "Credo che il danno maggiore sia stato quello morale"

Dopo il videomessaggio di denuncia della cantante Giuliana Danzè, la 26enne beneventana che ha subito un’aggressione dal compagno, tanti i messaggi di solidarietà, vicinanza e stima.

Giuliana Danzè, la cantante picchiata dal compagno: la solidarietà

Solidarietà anche da parte del primo cittadino, Clemente Mastella: “Io e mia moglie, dice il sindaco Clemente Mastella, abbiamo telefonato a Giuliana, ancora attonita per un episodio che non immaginava si potesse verificare.

Ho visto le foto apparse sui social e sui giornali. Ma credo che il danno maggiore sia stato quello morale. Cose di questo genere sono inaccettabili. La violenza su un’altra persona e in questo caso su una donna è un atto a cui l’intera comunità dice no”.

Mastella sottolinea

Mastella ha poi sottolineato che “reagire è la cosa più giusta in questi casi. Il video messaggio della Danzè deve essere da esempio a tante donne vittime di violenza. E a loro rivolge un appello: “Non accettate questa forma di subalternità, non accettate che questa condizione sia la normalità perché non c’è nulla di normale. Denunciate ad alta voce, è la cosa più giusta”.

I messaggi di vicinanza

Tra i tanti messaggi quello consigliera comunale con delega alle pari opportunità, Patrizia Callaro: “La violenza contro le donne – dice – è forse la violazione dei diritti umani più vergognosa. Non conosce confini, geografia, cultura o ricchezza e fintanto che continuerà non potremmo mai pretendere di aver compiuto reali progressi verso l’uguaglianza. Purtroppo il periodo pandemico ha creato notevoli problemi di violenze domestiche con donne che subiscono in silenzio”.

Riflessioni importanti anche da “Exit Strategy“, associazione territoriale di promozione sociale che dal 2013 ha attivo uno sportello di ascolto per le donne vittima di violenza e fornisce supporto psicologico e legale: “Dopo il video messaggio non ci sarebbe altro da aggiungere. Il coraggio di Giuliana è grande, non è affatto facile, a 26 anni, metterci la faccia e denunciare in un paese in cui sembra ancora necessario far capire alle donne che la denuncia è l’unica arma che abbiamo in determinate situazioni – dice la presidente Alda Parrella -. Giuliana, nel video, dice Chi fa finta di non vedere è complice. Speriamo di riascoltare presto la sua voce. Grande solidarietà e sostegno da tutte le donne dell’associazione. L’accaduto non è certo un caso isolato a Benevento“.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button