Cronaca

Musica in piena notte nel Sannio, i residenti: “Pronti ad andare in Procura”

L'ennesimo episodio registrato nel weekend

La rabbia dei residenti che non riescono a riposare per la musica a tutto volume in piena notte nei locali del Sannio: secondo quanto riportato dal Mattino, è l’ennesimo episodio registrato nel weekend. “Siamo pronti ad andare in Procura”, dichiarano i cittadini.

Musica in piena notte nei locali del Sannio: la rabbia dei residenti

Musica a tutto volume nei locali, le urla di centinaia di ragazzini, imbattersi in bottiglie e immondizia all’uscita del portone di casa per una passeggiata. È l’ennesimo episodio registrato nel weekend. I residenti del centro storico, e in particolare quelli che vivono nelle zone della movida, si dichiarano stanchi.

La denuncia

“Adesso la misura è veramente colma – tuona Luigi Marino, presidente del comitato Centro storico – Non più tardi di tre giorni fa avevamo lanciato l’allarme e invocato interventi. Quanto accaduto, una volta di più, nel weekend certifica che è necessario frenare l’escalation. Da diverse zone ci giungono testimonianze di eccessi rumorosi fino alle 3. Nella notte di sabato, solo per fare un esempio, in Via Umberto I, la musica sparata dall’amplificatore di un locale è stata spenta solo a notte inoltrata senza che nessuno intervenisse. Il punto è garantire la civile convivenza e l’osservanza di leggi e regolamenti, beatamente ignorati nell’immobilismo del Comune.

La quiete pubblica, il rispetto del riposo nelle ore notturne, il limite in decibel, sono concetti che evidentemente è necessario ricordare e che, si badi bene, sulla scorta delle molteplici lamentele ricevute, possono formare oggetto di tutela in sede civile e penale. Siamo stanchi di cercare un dialogo che non vuol essere coltivato da parte dell’ente. Abbiamo formulato precise istanze e pretenderemo una risposta. Diversamente, ancora una volta, interesseremo la Procura”.

Articoli correlati

Back to top button