Paduli, botte e maltrattamenti alla moglie: la condanna

violenza

Botte e maltrattamenti alla moglie. Il Gup Vincenzo Landolfi ha condannato un giovane di 28 anni di Paduli a un anno e sei mesi

Botte e maltrattamenti alla moglie. Il Gup Vincenzo Landolfi ha condannato un giovane di 28 anni di Paduli a un anno e sei mesi, con pena sospesa. L’uomo ha optato per il rito del patteggiamento ed è stato difeso dall’avvocato, Massimiliano Cornacchione. Il giovane era stato accusato di aver maltrattato la moglie, sottoponendola a una serie di sofferenze fisiche e morali consistite in continue minacce.

Botte alla moglie, condannato 28enne di Paduli

E nel corso delle liti era solito minacciarla: «Se vai dai carabinieri e viene qualcuno in divisa, ti farai male di grosso». Inoltre apostrofava la moglie con ogni tipologia di insulti. E non mancava neppure la violenza fisica, con la donna colpito spesso con schiaffi e pugni al volto e al corpo. E, in qualche occasione, non si era fatto scrupolo di usare un bastone per colpirla. Inoltre la costringeva a continua oppressioni, costringendola a una vita controllata e sottomessa.

TAG