Economia

Sale giochi virtuali: come ottenere una licenza AAMS in Italia

Per utilizzare le piattaforme in modo sicuro bisogna accertarsi e verificare preliminarmente se l’operatore scelto ha una licenza rilasciata da AAMS

Da anni ormai il mondo dello svago, in senso lato, ha affrontato una profonda trasformazione, un’evoluzione costante con il passaggio dei giochi (più e meno tradizionali) da un contesto “reale” a uno sempre più “digitale”. Ovviamente anche il settore dei giochi di carte (di pari passo con i giochi da tavolo) ha subito forti cambiamenti, emigrando sempre più in rete o sulle app, dall’incontro con gli amici di persona alle partite su Internet. Per rendersi conto dell’entità del fenomeno basta pensare alle numerose piattaforme oggi disponibili in Rete: dalle vecchie sale fisiche, si è passati a quelle virtuali, sviluppate da aziende private sotto il rigido controllo di agenzie statali. Le sale per i giochi virtuali in Italia operano sotto il controllo dell’ADM, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, una volta definita AAMS, l’ente pubblico incaricato di vigilare e affidare licenze per il gioco a distanza (quello che consente, per intenderci di giocare a carte da remoto con altri utenti). Tutte le attività che solitamente vengono presentate agli utenti online in specifiche guide, ad esempio negli approfondimenti sul codice promozionale william hill, che spiega  in modo informativo di che cosa si stia parlando e i settori in cui è possibile usufruirne, devono essere offerte con una concessione dell’Autorità. Scopriamo di più su questo aspetto, su come ottenere una licenza.

Cosa significa AAMS (oggi ADM)

Per utilizzare le piattaforme in modo sicuro bisogna accertarsi e verificare preliminarmente se l’operatore scelto ha una licenza rilasciata da AAMS. Ma cosa significa AAMS? Come accennato, si tratta dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, oggi assorbito nell’ADM, cioè l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, dove è possibile anche consultare l’elenco dei concessionari autorizzati per il gioco a distanza. Questo Ente del Ministero dell’Economia e delle Finanze italiano è un organo che gestisce il gioco pubblico e controlla la produzione, la commercializzazione e l’imposizione fiscale dei tabacchi lavorati. In parole povere l’AAMS controlla che le strutture di gioco rispettino tutti i requisiti di legge italiani, in materia fiscale, del lavoro e tutte le norme a tutela della salute pubblica e dei minori, la regolarità della suddivisione dei premi e che i dati sensibili rilasciati presso queste piattaforme siano conservati e utilizzati in modo appropriato. In questo modo quando un giocatore vedrà l’apposizione del simbolo dell’ADM sul sito scelto avrà la certezza che quella piattaforma è sicura, affidabile e la legale.

Come ottenere una licenza AAMS?

Quindi per avere una sala giochi online in Italia legalmente bisogna essere in possesso della licenza AAMS. Allora come ottenere una licenza AAMS? Per farlo l’ente, oggi l’ADM, che come detto ha assorbito le funzioni e il ruolo dell’AAMS, valuta diversi requisiti a cui l’azienda deve rispondere. Per prima cosa serve partecipare a un bando poiché le licenze annuali sono in numero limitato. Poi la società, che deve essere una società di capitali con sede legale in Europa, deve versare una fidejussione bancaria di almeno 1,5 milioni di euro a titolo di garanzia e provvedere a realizzare un sito web adeguato su server stabili e sicuri e che garantisca sicurezza informatica, sia per i dati sensibili, sia per la parte monetaria, sia per gli utenti che vi accedono. Se l’ADM ritiene i requisiti accettabili, allora rilascia una licenza temporanea per 3 anni versando 350.000€ nelle casse dello Stato. A questo punto, la società che richiede la licenza resta costantemente sotto controllo per verificare che tutte le operazioni all’interno della piattaforma siano svolte nel pieno rispetto delle norme italiane, certificando ogni movimento monetario che c’è sul sito, vietando l’accesso ai giochi ai minori di 18 anni e soprattutto offrendo misure e strumenti per evitare la dipendenza dal gioco online. L’iter, come si è visto, è abbastanza lungo ma l’attesa garantisce sia un ritorno per l’azienda che la garanzia massima per ogni utente.

Articoli correlati

Back to top button