Cronaca

Truffa sugli straordinari e auto usata fuori orari: due poliziotti sospesi per un anno

Truffa straordinari, due poliziotti di Benevento sospesi dal gip. Un ispettore accusato di aver usato l'auto di servizio per motivi personali

Due poliziotti in servizio a Benevento sono stati sospesi con l’accusa di truffa sugli straordinari e utilizzo dell’auto fuori orario. Come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino, il gip Vincenzo Landolfi ha disposto nei confronti dell’ispettore superiore Giovanni Lollo e dell’assistente capo coordinatore della Digos Maria Cantone il provvedimento di sospensione per un anno dall’esercizio dei pubblici uffici.

Truffa straordinari, sospesi due poliziotti di Benevento

È stata la stessa Digos a condurre le indagini, basate su intercettazioni telefoniche e ambientali e acquisizione di dati provenienti prevalentemente da telecamere di videosorveglianza e telefoni cellulari. Stando a quanto scoperto dagli inquirenti, i i due indagati avrebbero redatto false relazioni relative alle ore di servizio in modo tale da incrementare i compensi relativi al numero di ore di lavoro straordinario.

L’accusa di peculato

L’ispettore superiore Lollo è accusato anche di peculato perché avrebbe utilizzato indebitamente l’auto di servizio per motivi personali, redigendo successivamente false attestazioni riguardanti itinerari e orari di ingresso e uscita, così da maturare un ingiusto profitto in termini di straordinari, quantificato nella somma di circa 75 euro.

Articoli correlati

Back to top button