Curiosità

Utilizzare lo smartphone nel modo corretto: consigli pratici

Lo smartphone è forse il nostro compagno di viaggio più fedele. Lo utilizziamo praticamente durante tutto l’arco della giornata e per fare qualsiasi tipo di attività

Lo smartphone è forse il nostro compagno di viaggio più fedele. Lo utilizziamo praticamente durante tutto l’arco della giornata e per fare qualsiasi tipo di attività, dal lavoro allo svago come i casino online ed i social network.  Secondo recenti dati il 71% dei cittadini dispone di uno smartphone, il 20% dispone di un cellulare che non è uno smartphone, mentre l’8% afferma di non possedere uno smartphone. Si tratta di un livello di penetrazione piuttosto elevato, anche se non mancano – sia in Europa che nel resto del mondo – dei Paesi in cui la presenza degli smartphone è molto più elevata.

Se infatti 7 italiani su 10 dispongono di uno smartphone con il quale navigare sui motori di ricerca, popolare i social media e tanto altro ancora, è ben del 95% il livello di penetrazione degli smartphone nel mercato della Corea del Sud, mentre Israele, Olanda, Svezia, Australia e Stati Uniti hanno consolidato una percentuale superiore all’80%. Tra le principali economie in Europa, la Germania ha un livello di diffusione degli smartphone sulla popolazione di riferimento del 78%, il Regno Unito del 76%, la Francia del 75% e la Spagna dell’80%.

Per quanto poi riguarda la fruizione dei principali servizi online attraverso gli smartphone, nei mercati avanzati il 90% di chi ha uno smartphone usa Internet, e il 67% è presente sui social media. Le percentuali sono ovviamente inferiori nei mercati emergenti, dove in media il 60% usa Internet e il 49% è presente sui social media.

Avere uno smartphone però non vuole per forza dire utilizzarlo nel modo corretto. Spesso lo utilizziamo in modo sproporzionato mettendo a rischio i nostri dati sensibili e quelli dei nostri cari. Fortunatamente però, attraverso un uso responsabile e alcuni precisi accorgimenti è possibile avere un controllo sufficiente sulla tecnologia che portiamo sempre in tasca, e questo vale sia a livello di privacy Fortunatamente però, attraverso un uso responsabile e alcuni precisi accorgimenti è possibile avere un controllo sufficiente sulla tecnologia che portiamo sempre in tasca, e questo vale sia a livello di privacy che dal punto di vista della nostra salute.

Dal punto di vista fisico è bene tenere il telefono davanti al viso, usarlo con due mani simmetricamente così da non sovraccaricare di lavoro né la parte destra né quella sinistra del nostro corpo. Compresi gli arti, che se esposti a eccessiva fatica rischiano di presentarci un conto molto salato con tendiniti, infiammazioni o intorpidimenti che per essere risolti hanno bisogno di passare per fisioterapia e chirurgia.

Ridurre la ricezione di luce blu. La luce blu è quella prodotta anche dal sole, ci tiene svegli e riduce la produzione di melatonina permettendoci di essere attivi durante il giorno. Ma anche i dispositivi come smartphone, tablet e computer producono luce blu e quando li usiamo la sera (e tutti usiamo lo smartphone la sera, magari proprio prima di andare a letto o addirittura mentre siamo già stesi sul letto) questa interferisce con il nostro ciclo del sonno, bloccando proprio la melatonina e costringendoci a una veglia forzata e dannosa per la nostra salute.

Passiamo all’utilizzo dello smartphone che è spesso smodato. L’uso deve essere moderato, e se non è accompagnato da un minimo di moderazione le possibilità di subire contraccolpi ed effetti collaterali dall’uso dello smartphone sono comunque alte. Un ottimo modo di regolarsi è il seguente: usare i dispositivi solo quando ci sono utili, decidere che un’ora di Instagram al giorno è sufficiente, leggere è utile e chattare con amici e parenti lo è altrettanto, ma l’utilità svanisce quando facciamo scroll down incessantemente da ore o superiamo la soglia di ore giornaliere che ci siamo imposti sui social network. Per regolarci, in alcuni telefoni è presente la possibilità di mettere un limite orario di utilizzo giornaliero a ogni app.

Per quanto riguarda la funzionalità dello smartphone è molto importante preservarne alcune componenti. Come, ad esempio, la memoria interna che è meglio tenere un po’ snella e non zeppa di file spesso inutili. Poggiarsi al cloud storage è la soluzione più semplice e gratuita così da non sovraccaricare troppo il lavoro quotidiano. Eseguire regolari backup mette al sicuro i dati e ci si deve sempre ricordare di cancellare tutto ciò che è inutile, soprattutto app e giochi inutilizzati.

Per quanto riguarda la batteria è consigliabile evitare di esporla a temperature estreme, soprattutto sotto la diretta luce del sole o in luoghi molto caldi. Evita di attaccare e staccare il caricabatterie senza una ragione precisa durante il giorno, ma – se puoi – carica soltanto quando necessario.

Articoli correlati

Back to top button