Cronaca

Benevento, approvato cambio di genere: adesso è un uomo

Il Tribunale di Benevento ha approvato il cambio di genere ad un cittadino. Adesso A. G. è anagraficamente un uomo anche se non ha ancora effettuato l’intervento chirurgico.

Benevento, approvato cambio di genere

La decisione del Tribunale di Benevento, arrivata dopo la sentenza del giudice dott. Loffredo, ha consentito ad A.G. di poter ottenere la rettificazione degli atti di stato civile e di essere considerato, così, una persona di sesso maschile anche sulla carta.

La persona che ha chiesto tale modifica è originaria di Benevento, che, fin da giovane, nonostante le caratteristiche biologiche femminili, aveva convissuto con un’identità psico-sessuale maschile. Di qui, la decisione di avviare un percorso di transizione verso l’altro genere.

Il percorso di transizione a breve potrebbe diventare definitivo anche dal punto di vista genitale, essendo già consolidata a livello psicologico. Il Tribunale ha autorizzato anche la possibilità di sottoporsi ad interventi chirurgici. Ma intanto, a prescindere dall’intervento chirurgico, chiede ai giudici di poter rettificare il nome all’anagrafe, mutandolo nel genere maschile. Richiesta accolta: l’atto di nascita, così come gli altri documenti, si possono modificare anche senza trattamento chirurgico.

Il percorso di transizione

L’istante ha condiviso passo dopo passo sul suo profilo social tutto il percorso di transizione perché altre persone si possano giovare della sua esperienza.  “Sono molto contento – dichiara – che si sia chiusa, anche in tempi così veloci, questa fase necessaria per aggiornare in primis i documenti. Devo dire che ho particolarmente apprezzato che sia il giudice che gli ausiliari durante l’udienza non si siano mai rivolti con il nome attribuito alla nascita, che non uso ormai più da tempo, né con pronome femminile. Sembra un dettaglio di poco conto ma per chi vive sulla propria pelle episodi di discriminazione quotidiani è fondamentale”.

L’avv. Giovanna Megna, che ha assistito A.G., sottolineando la celerità con cui si è arrivati alla sentenza, ha evidenziato anche altri aspetti: “Il Tribunale di Benevento, con sentenza commentata anche sul portale Diritto e Giustizia della casa editrice Giuffrè Francis Lefevbre, conferma l’orientamento consolidatosi a seguito delle pronunce del 2015 della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione. Tali interventi hanno portato ad un cambio epocale nella risposta di giustizia per le persone con disforia di genere che accedono al percorso di transizione, che possono ottenere la modifica dei documenti senza sottoporsi obbligatoriamente all’intervento chirurgico.

Mi sento di evidenziare, nel recente procedimento di cui è stato investito il Tribunale cittadino, i tempi rapidi con cui si è arrivati alla sentenza, ma anche il modo in cui si è svolta l’audizione e l’accertamento della volontà dell’istante, condotto con particolare attenzione ed empatia. Possiamo continuare a credere nella giustizia, anche se la piena ed effettiva tutela è ancora un traguardo da raggiungere. Permangono, infatti, alcune criticità strettamente legate a questo procedimento, come ad esempio i costi di iscrizione a ruolo e registrazione della sentenza per chi non accede al gratuito patrocinio, così come c’è poi tutto l’aspetto della tutela antidiscriminatoria”.

Ileana Picariello

Ileana Picariello, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Back to top button