Cronaca

Si separa dalla moglie e perseguita l’amica: duplice caso di stalking a Valle Telesina

Si separa dall’ex moglie ma continua a perseguitare la donna e l’amica della vittima: duplice caso di stalking per un idraulico di 57 anni della Valle Telesina.

Idraulico della Valle Telesina accusato di stalking

Ieri mattina il Gup Gelsomina Palmieri ha rinviato a giudizio con processo fissato per il 2 marzo del prossimo anno davanti al magistrato Francesca Telaro l’idraulico della Valle Telesina. Per lui  ci sarà un secondo procedimento con gli stessi reati già contestati in precedenza.

I fatti

L’uomo, dopo la separazione dalla moglie, risalente al 2016, aveva attuato una serie di comportamenti che avevano portato, nell’ottobre del 2018, il Gup Loredana Camerlengo alla condanna, con il rito abbreviato, a una pena di otto mesi per stalking, con il beneficio della sospensione della pena. Era scattato anche il risarcimento dei danni, da liquidarsi in separata sede, in favore della parte civile, la ex moglie. Il Gup aveva anche revocato il divieto di avvicinamento al quale l’uomo era sottoposto.

Alla base di questa prima condanna c’era stata una serie di atti ritenuti persecutori, che erano iniziati nel 2016 con la domanda di separazione avanzata dalla donna.
Immediate sono scattate le indagini del sostituto procuratore della Repubblica, Maria Capitanio, e dei carabinieri che accertavano che l’uomo era solito minacciare la donna, tempestata di telefonate e seguita negli spostamenti. Al centro del contendere tra i due ex coniugi anche un bambino, figlio della coppia. L’uomo aveva sempre accusato la moglie di vietargli di vedere il piccolo.

Nell’ottobre 2017 scattava il divieto di avvicinamento, poi, a causa della mancata ottemperanza al divieto, era stata emessa anche un’ordinanza con cui venivano disposti gli arresti domiciliari. A conclusione di tutta la vicenda con processo è arrivata la condanna nel 2018.
Condanna che, comunque, secondo l’accusa non aveva convinto l’idraulico a cambiare comportamenti e a porre fine a quegli atti persecutori che sono alla base del reato di stalking. Infatti, non solo ha continuato a minacciare la ex moglie che ora si è trasferita in un’altra città, ma aveva esteso i suoi comportamenti ad un’amica della vittima dello stalking. In particolare la molestava seguendola negli spostamenti posizionando la propria auto dietro l’auto della donna accelerando, frenando, passando in continuazione sotto la sua abitazione e guardandola con fare minaccioso.

Da qui un provvedimento della Procura con la richiesta di rinvio a giudizio dopo che la donna, rea solo di essere un’amica della ex moglie, aveva iniziato a temere per la sua incolumità e quella dei familiari e, per questo, si vedeva costretta a modificare le proprie abitudini di vita.

Articoli correlati

Back to top button