Cronaca

Benevento, violenta lite familiare: lui distrugge casa, lei lo denuncia

Violenta lite familiare in un’abitazione in contrada Capodimonte, in un alloggio dell’ex Iacp. L’uomo, dopo aver inveito contro la moglie, ha iniziato a danneggiare le suppellettili. Alla fine l’uomo è stato bloccato dai carabinieri che lo hanno arrestato contestandogli i reati di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori nei confronti della moglie.

Violenta lite familiare a Benevento

Il coniuge violento è un 45enne beneventano, A.T., operaio, già noto alle forze dell’ordine. In particolare l’uomo ha contestato alla moglie di aver invitato presso la sua abitazione un sorella con alcuni figli. «La casa è mia e tu inviti anche gli ospiti», avrebbe urlato l’uomo alla coniuge e in uno scatto d’ira ha provveduto con minacce a cacciare fuori dall’abitazione la moglie e la sorella, e anche una figlia in quel momento presente con un figlio.

Dopo essere riuscito a far abbandonare la casa a tutti gli ospiti sempre in preda all’ira ha cominciato a distruggere l’abitazione con una mazzola.

L’intervento dei carabinieri

Sul posto sono giunti i carabinieri che hanno richiesto l’intervento del118 nella convinzione che l’operaio dovesse essere sottoposto a un trattamento a base di calmanti. Ma l’uomo è riuscito a raggiungere il comando provinciale dei carabinieri in via Meomartini ed ha contestato i comportamenti tenuti dalla consorte. In caserma è giunta anche la moglie che ha presentato una denuncia sulle intimidazioni che subirebbe da tempo.

Articoli correlati

Back to top button