Cronaca

Benevento, bambina affetta dalla malattia di Lyme: è il primo caso

La malattia di Lyme in una bambina di quattro anni e mezzo è stata diagnosticata nella Pediatria dell’Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento; si tratta, fanno sapere dall’ospedale, del primo caso manifestatosi nel Sannio. Al momento sembra che in Campania siano stati segnalati pochissimi casi, quasi tutti contratti in altre regioni o fuori nazione da residenti nella regione. La piccola di quatto anni e mezzo, di Guardia Sanframondi, circa 20 giorni prima del ricovero era stata punta da una zecca.


LEGGI ANCHE: Cos’è la malattia di Lyme: quali sono i sintomi, come si prende e quanto dura

Benevento, diagnosticato il primo caso della malattia di Lyme

Il parassita, che presumibilmente era sulla cute da qualche giorno, è stato rimosso nel P.S.A.U.T. di Cerreto Sannita, con conseguente prescrizione di terapia antibiotica “con macrolide” per sette giorni.
Successivamente è comparso sul volto della bambina un “eritema migrante” trattato inizialmente con cortisone. Il primo giugno la piccola è stata visitata dai medici del Pronto soccorso del Fatebenefratelli di Benevento dopo aver manifestato difficoltà a deambulare e forti dolori ad arti, dorso ed addome.
Ricoverata nel reparto di Pediatria della struttura sanitaria, i medici hanno sospettato la malattia di “Lyme” alla luce del racconto anamnestico e dei dati clinici riscontrati.

Il sospetto si è tramutato in certezza quando il laboratorio ha confermato la presenza di anticorpi anti Borrelia Burgdorferi, di una infezione trasmessa da una zecca del genere Ixodes che si trova in Campania come parassita delle pecore. I principali serbatoi delle infezioni sono roditori, caprioli, cervi, volpi e lepri.

La diagnosi

“La diagnosi si riesce a fare se si tiene conto di questa malattia” spiega Raffaello Rabuano, direttore della UOC di Pediatria-Neonatologie e UTIN del Fatebenfratelli – visto che le manifestazioni possono far pensare a tante altre patologie; non a caso la malattia di Lyme si definisce anche la grande simulatrice”. In genere la malattia si sviluppa con un eritema, cioè una macchia rossa che si allarga progressivamente comparendo 7-14 giorni dopo la puntura di una zecca. Possono associarsi manifestazioni sistemiche come malessere, cefalea, febbre, dolori articolari, rigidità nucale, che si risolvono in 2/4 settimane, spontaneamente”

Redazione L'Occhio di Benevento

Redazione L'Occhio di Benevento: comunicati stampa, notizie flash, contributi esterni del giornale

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio