Coronavirus, continuano gli arrivi da fuori regione: nel Sannio superata quota 200

coronavirus-sannio-arrivi-fuori-regione

Emergenza coronavirus nel Sannio, continuano gli arrivi da fuori regione: sono oltre 200 le persone giunte in provincia di Benevento in questi primi 2 giorni dalla fine del lockbdown. Ma i controlli restano serrati. Coronavirus, nel Sannio oltre 200 arrivi da fuori regione Il primo giorno erano 90 le persone giunte nel Sannio, ma all’indomani […]

Emergenza coronavirus nel Sannio, continuano gli arrivi da fuori regione: sono oltre 200 le persone giunte in provincia di Benevento in questi primi 2 giorni dalla fine del lockbdown. Ma i controlli restano serrati.

Coronavirus, nel Sannio oltre 200 arrivi da fuori regione

Il primo giorno erano 90 le persone giunte nel Sannio, ma all’indomani del secondo giorno il totale sale oltre i 200. Una buona notizia però c’è: è risultato negativo il tampone dell’uomo che lunedì si trovata a bordo del treno proveniente da Roma, con destinazione Ariano Irpino. Il termoscanner aveva rilevato una temperatura superiore ai 38 gradi, ma il tampone ha scongiurato ogni pericolo.

Controlli a Benevento

A Bevenento sono 7 le pattuglie dei vigili che presidiano le strade, la città è stata divisa in cinque zone. Zona alta: viale Mellusi, viale Atlantici, via Pace Vecchia, piazza Risorgimento via Nenni e zone limitrofe; zona centro: corso Garibaldi, viale dei Rettori, via del Pomerio, via Torre del Catena, via Porta Rufina, via delle Poste; zona bassa: viale Principe di Napoli, piazza Colonna, via Compagna, rotonda dei Pentri, via Grimoaldo re, ponte Vanvitelli; quarta zona: rione Libertà, ponte Sabato, ponte Santa Maria degli Angeli; quinta zona: contrade e aree jogging, viale Aldo Moro, contrada Piano Cappelle, contrada Piano Morra, area Santa Clementina.

Le denunce

I vigili hanno segnalato all’Asl circa 15 nominativi di persone giunte in città da fuori regione. In due casi i vigili hanno rintracciato due persone, una a San Vitale e l’altra a via Meomartini, che tornati dalla Lombardia non avevano denunciato la loro presenza per sottrarsi alla quarantena

TAG