Benevento, 50 ristoratori consegnano le chiavi al sindaco Mastella

benevento ristoratori mastella

Una delegazione di ristoratori consegne le chiavi delle circa 50 attività al sindaco di Benevento Mastella affinché si faccia portavoce

Una delegazione di ristoratori consegne le chiavi delle circa 50 attività al sindaco di Benevento Mastella affinché si faccia portavoce presso il Governo della drammatica situazione in cui versa il settore.

Benevento, ristoratori consegnano le chiavi a Mastella

Ad  annunciarlo Mario  Carfora,  del gruppo ‘Emergenza Ristorazione’ Secondo le disposizioni ministeriali la riapertura del settore sarà possibile solo dal primo giugno.

La manifestazione è in concomitanza  con movimenti HO.RE.CA, che anche oggi presso i  municipi consegneranno sempre  ai sindaci le chiavi.

Il messaggio consegnato a Mastella

Quando un imprenditore arriva soltanto ad immaginare di poter rinunciare al lavoro di una vita e a compiere un gesto così grave per quanto simbolico, come la consegna delle chiavi del proprio locale, può essere mosso soltanto dall’istinto di sopravvivenza.

Nessuna appartenenza politica, nessun credo ideologico, nessun tentativo speculativo; soltanto amarezza, sofferenza e paura ci spingono ad indirizzare a lei le nostre disperate richieste di aiuto, non solo quale destinatario diretto di alcune di esse, ma soprattutto per investirla del delicato ruolo di portavoce delle nostre istanze presso le sedi istituzionali regionali e nazionali.

Lei conosce perfettamente la realtà socio-economica della nostra città e della nostra provincia, e sa bene con quanta dignità abbiamo sempre portato avanti le nostre attività in un territorio difficile, a cui anche lei da sempre sta cercando di dare un impulso produttivo e turistico.

Ora, di fronte a questa terribile emergenza, stiamo assistendo inermi alla distruzione dei nostri progetti. E’ come se un terremoto colpisse un centro abitativo di case già vecchie e logore, i danni sono maggiori che altrove, la ricostruzione e la rinascita più difficili.

Abbiamo individuato una serie di misure che, rispettando i limiti imposti dalla emergenza sanitaria, ci potrebbero consentire di provare a salvare il nostro lavoro, quello dei nostri dipendenti e ridare il sorriso oramai spento a tante famiglie preoccupate.

Come sempre noi faremo la nostra parte, con la tenacia e la caparbietà che contraddistinguono il popolo sannita. Le istituzioni, questa volta, facciano la loro”.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG